Prima illustrazione per Music Highwway, una serie di disegni a tema musicale. In un’epoca in cui Spotify favorisce un ascolto della musica senza limitazioni, ho sentito la necessità di fermarmi un attimo e pensare alle band e agli artisti che hanno fatto da colonna sonora alla mia vita, almeno in un periodo in cui la scoperta di nuove band arrivava solo attraverso un processo di ricerca forsennata.
Questa ricerca era favorita innanzitutto da amici (pochi ma buoni) la cui competenza musicale era sicuramente maggiore della mia.
C’erano poi le riviste musicali anche se non sono mai stato un avido lettore a causa soprattutto del costo di tali riviste.
E soprattutto c’era la Sala Borsa di Bologna che metteva – e mette tutt’oggi – a disposizione per il prestito una quantità di cd non indifferente: ricordo che buona parte degli album li sceglievo dalla copertina e ben presto mi resi conto che le copertine che mi attiravano, quelle illustrate (bene), erano di album di musica indie (al tempo, una quindicina di anni fa, la musica indie indicava, rispetto ad oggi, un genere piuttosto definito).
Per ultimo, ma non meno meno importante, c’era la Fonoteca, dove i cd si potevano noleggiare. Ricordo che me ne stavo ore lì dento ad ascoltare album e stressare i proprietari per avere quanto più consigli possibili.
Comunque, bando alle ciance, ho deciso di realizzare un po’ di illustrazioni a tema musicale, anche come pretesto per realizzare un po’ di character design e approfondire il mio stile di disegno.
Forse più per questo motivo che per apprezzamento musicale ho deciso di cominciare con Henry Rollins. Conosco il valore della sua musica ma non ne sono mai stato veramente appassionato. Il punk hardcore è un genere che ho approfondito poco (diciamo che sono passato direttamente per il post-hardcore). Ad ogni modo ho ritenuto che mi sarei divertito un sacco a disegnarlo. E avevo ragione!